Le balle del sindaco Moratti su Craxi


Il Sindaco di Milano, Letizia Moratti, ha deciso di affidare ad un video su Youtube le sue spiegazioni sulla decisione di intitolare una via o un parco a Bettino Craxi.

Il nostro è un paese senza memoria, per fortuna c’è la rete e ci sono i Blogger che invece di memoria ne hanno.

In questo video sbugiardiamo tutte le falsità dette da Letizia Moratti per giustificare la sua scelta, ormai non riescono più a prenderci in giro.

P.S. Sabato 9 gennaio 2010, con regolare nulla osta della questura, riprendiamo l’Agorà con una manifestazione contro la proposta dell’intitolazione di una via a Bettino Craxi e per un pensiero alternativo all’egemonia culturale dei vip del crimine sottesa a quel gesto simbolico. A Milano, in piazza Cordusio ad angolo con via Mercanti. Dalle ore 14,00 alle 17,30.

Io Ci sarò

Comments (1) »

Il discorso di fine anno del presidente della Repubblica

Ho deciso di mettere a disposizione una copia del discorso di fine anno del presidente della repubblica, con i commenti abilitati, in modo che si possa esprimere le propria opinione su quello che ha detto.

Sul canale ufficiale della presidenza del consiglio è impossibile perchè sono stati disabilitati i commenti, è come se lo stato avesse paura di quello che i cittadini (sovrani) possano pensare del suo operato e , una volta scritto pubblicamente, diventi impossibile nascondere il malcontento della gente.

Negli Stati Uniti accade il contrario, anche Obama parla su youtube ma i cittadini possono tranquillamente dire quello che pensano.

Per quel che mi riguarda il discorso del presidente mi è sembrato scontato, ma soprattutto conforme allo stile della classe dirigente.

Il monito a fare le riforme in modo condiviso più che un augurio sembra una maledizione, come possiamo permettere che pregiudicate e indagati concorrano nel realizzare le riforme del nostro paese.

Il nostro presidente, in futuro dovrebbe riflettere  prima di firmare leggi come il lodo Alfano o lo scudo fiscale, solo cosi potrebbe dare inizio alle riforme vere.

Leave a comment »

La riforma delle intercettazioni: Intervista al Dott. Salvini

clicca qui per ascoltare la seconda parte


Spiegare i danni che la riforma delle intercettazioni sarà in grado di fare, una volta approvata dal parlamento non è cosa semplice

La mia credibilità è basata solo sullo studio, leggo e rileggo i testi e cerco di interpretarli in modo corretto, la credibilità di Giudo Salvini, invece è dovuta alla qualità del lavoro che ha svolto in questi anni come GIP del tribunale di Milano.

Si è occupato, tra i tanti, dei casi di criminalità economico-finanziaria  Parmalat ed Enipower, del sequestro e dell’omicidio del finanziere Gianmario Roveraro.

Mi ha concesso un intervista telefonica dove ci spiegherà quali problemi alla giustizia creerà questa legge.

Leave a comment »

Pellicce di cane e di gatto



Un’investigazione effettuata dall’associazione americana HSUS ha portato alla scoperta del peggiore segreto dell’industria della pellicceria: l’uccisione di cani e gatti domestici per la produzione di pellicce.

Ogni anno due milioni di cani e gatti detenuti in condizioni spaventose sono privati di ogni elementare diritto: alcuni di essi sono randagi, altri invece vengono appositamente allevati per rubare loro il manto.

Le tecniche di uccisione sono violentissime: i cani – pastori tedeschi, chow-chow, ma anche semplici meticci – vengono sgozzati anche per strada, fatti morire per dissanguamento o colpiti a morte con dei randelli, mentre i gatti vengono spesso impiccati con cappi metallici.
Gli investigatori stimano che ogni anno siano uccisi più di due milioni tra cani e gatti.

L’inganno ai consumatori
L’impiego delle pelli di cani e gatti è un fenomeno sconosciuto. L’industria della pellicceria tenta di mantenerlo nascosto grazie ad un
sistema di etichettatura dei capi fuorviante e per nulla attendibile. Tranne rarissime eccezioni, le pelli di cani e gatti non vengono etichettate per ciò che realmente sono.
I capi confezionati con la
pelle di cane possono essere venduti come gae-wolf, sobaki, e Asian jackal, oltre a molti altri.
Mentre le
pellicce di gatto, sotto altri pseudomini, che comprendono: wildcat, goyangi e katzenfelle.

La conoscenza da parte dei consumatori della vera origine delle pelli, determinerebbe un crollo degli acquisti e un grosso danno d’immagine per il settore. Questi animali possono essere uccisi in un paese e le loro pelli essere trattate in un’altra nazione, ed il prodotto finito può essere venduto ovunque nel mondo. Le pelli di cane e gatto non sono tanto utilizzate per la realizzazione di pellicce intere, bensì come inserti per guanti, colli, cappelli, giocattoli e tanti altri accessori.

Fonte: LAV

Leave a comment »

Milano vuole dedicare una via o un parco a Craxi

L’ufficializzazione dovrebbe avvenire il 19 gennaio ma sembra che il comune di Milano si deciso ad intitolare una via o un parco a craxi per i dicei anni dalla sua morte.
Faccio un piccolo riepilogo delle condanne accumulate dallo “Statista” Craxi:

5 anni e 6 mesi per corruzione nel processo Eni-Sai;

4 anni e 6 mesi per finanziamento illecito per le mazzette della metropolitana milanese.

Per tutti gli altri processi in cui era imputato (alcuni dei quali in secondo od in terzo grado di giudizio), è stata pronunciata sentenza di estinzione del reato a causa del decesso dell’imputato.

Non possiamo permettere che nel capoluogo della nostra regione ci sia qualcosa intitolato ad un condannato morto latitante!

Leave a comment »